Lost Sea per Nintendo Switch
Scritto da Jacopo Ratti, pubblicato il 02 giugno 2018 Alle 3:31

Salve lettori e (poche) lettrici di videogamezone, oggi è il vecchio Adegheiz che scrive, con una bottiglia di rum in mano ed il Joycon nell'altra. Ho avuto recentemente modo di mettere mani su una copia per la stampa di Lost Sea su Nintendo Switch, e sono qui per darvi una valutazione che spero sia il più possibile fedele alla mia esperienza.

"Ma bando alle ciance, per mille balene spiaggiate! Siete pronti a schiantarvi con l'aereo su un misterioso arcipelago nel triangolo delle bermuda per vivere un'avventura dal sapore marinaresco? YARRH!"

Che cosa è Lost Sea?
Iniziamo con qualche informazione di rito: Lost Sea è un gioco prodotto e sviluppato da Eastasiasoft, già rilasciato su Xbox One, PS4 e PC l'anno scorso ed uscito il 31 Maggio su Nintendo Switch. Il genere del gioco viene definito dai developer stessi come "Azione/avventura", ma di fatto l'impressione che ho avuto giocandoci è di trovarmi davanti ad un "dungeon crawler" con una preponderanza di elementi tipici dei giochi di avventura e qualche componente più da RPG.
Durante il gioco ci ritroveremo quindi ad esplorare numerose isole generate proceduralmente, cercando vari oggetti per agevolare la nostra esplorazione, uccidendo nemici per ricevere esperienza e raccogliendo denaro per comprare vari upgrade.

Immagine


L'Inizio
Dopo una brutta tempesta al largo delle bermuda, il protagonista (selezionabile tra diversi modelli preimpostati) si schianta con il suo aereo su una misteriosa isola tropicale, ricoperta da una flora lussureggiante e popolata da strane creature. Ben presto si renderà conto di non essere l'unico naufrago, ma che numerosi altri uomini e donne si sono persi e sono rimasti bloccati su diverse di queste isole, senza alcuna via di fuga. A questo punto inizierà una fase di tutorial che spiegherà le meccaniche base del gioco attraverso alcuni personaggi, guidandoci nell'esplorazione della prima isola fino a raggiungere una vecchia bagnarola che ci accompagnerà nei nostri viaggi da un'isola e l'altra. Capiremo ben presto che l'unico modo per tornare è quello di cercare nelle varie isole antiche tavole con incise le mappe navali per poter così avanzare tra le varie isolette facendoci strada lungo 5 diversi arcipelaghi, ognuno controllato da un boss.

Il Gameplay
Lost Sea è un gioco soprattutto di avventura, dove l'esplorazione la farà da padrona e sarà il fulcro fondamentale del gameplay. In questo il gioco riesce a essere molto apprezzabile grazie alle mappe generate proceduralmente, formate unendo randomicamente diverse zone esagonali e popolandole di mostri, tesori e altri oggetti; questo ovviamente rende possibile incontrare più volte aree simili, ma il modo in cui sono strutturate e si connettono con le altre aree, ed il loro contenuto, cambia a volte completamente l'esperienza di gioco nell'attraversarla.
Lo scopo dell'esplorazione è quello di trovare e raccogliere appunto le Mappe che dovranno essere riportate alla propria nave (si, vanno letteralmente prese sopra la testa e trasportate fino alla nave, rendendovi inabili al combattimento nel processo). Fortunatamente durante l'esplorazione vi imbatterete in numerosi altri naufraghi, che sarà possibile reclutare (fino ad un massimo di 4 alla volta) e che potranno compiere per voi diverse azioni o darvi alcuni bonus seconda delle loro specialità, tra le quali costruire ponti, rimuovere ostacoli o scavare in cerca di tesori in punti predeterminati, o darvi boost in combattimento e portare al posto vostro le preziose mappe.
Sfortunatamente i membri dell'equipaggio sono completamente inutili in combattimento e tutto quello che faranno mentre vengono attaccati da un cinghiale antropomorfo sarà rannicchiarsi e dare un bacio di addio alle loro chiappe mentre vengono orribilmente dilaniati. Grossa pecca di questo gioco è infatti il combattimento, e non solo per una mancanza effettiva di uno scopo per l'equipaggio, ma per delle meccaniche un po' troppo rigide ed a volte troppo semplicistiche, aspetto che però migliora proseguendo nel gioco e riuscendo a sbloccare alcune mosse e capacità speciali, come la schivata o la capacità di correre consumando energia.
A questo proposito riceve invece una nota positiva il sistema di progressione del gioco, che nonostante la semplicità offre diverse opzioni ed è capace di offrire varie possibilità e combinazioni. Il sistema di upgrade riguarda infatti due "valute": una di queste è il denaro (dei simpatici dobloni d'oro esagonali, YARRH!) acquisibile da nemici, tesori e casse, ed utilizzabile per migliorare la nave e ottenere vari bonus per potersi spostare più agevolmente tra un'isola e l'altra o avere un equipaggio un filo più utile, mentre l'altra è l'esperienza, che possiamo utilizzare per migliorare la salute o la stamina del nostro personaggio, imparare nuove abilità, aumentare i seguaci o gli oggetti trasportabili contemporaneamente.
Altra chicca sono alcuni rari tesori ben nascosti in alcune isole, dedicati ai giocatori che si sentono veri bucanieri in cerca di tesori.

Immagine


Grafica e Design
La grafica è un punto forte del gioco: grazie al Cel Shading il risultato è cartoonoso ed al tempo stesso estremamente gradevole, e tutta l'ambientazione è molto ben curata e ben fatta, talmente tanto che ti fa rimpiangere che si possa interagire molto poco con l'ambiente (che è comunque un tratto che si perdona a giochi di questo genere). I vari naufraghi che popolano le isole sono generati casualmente e di aspetto molto vario, mentre i nemici hanno anche essi una buona varietà e caratterizzazione, anche se dopo diverse ore di gioco si spererebbe di trovare qualcosa di più.
In generale comunque il comparto grafico rende molto piacevole ed accattivante il gioco, compensando o facendo sorvolare su altre carenze e dando solidità al titolo.

Alcune Considerazioni per la versione Nintendo Switch
Quando si recensisce un gioco multipiattaforma bisogna sempre tenere presente le peculiarità della piattaforma nella quale la recensione viene effettuata. Nel caso del Nintendo Switch, bisogna parlare del fatto che il gioco si presta molto bene ad una console portatile, permettendo con abbastanza agilità di fare partite "mordi e fuggi" grazie alla relativa semplicità dello stesso e alla possibilità di salvare spesso quando si passa da un'isola all'altra.
Inoltre per gli stessi motivi si presta molto bene ad un altro uso della console di casa Nintendo, ovvero quello durante l'esplorazione delle funzioni corporali. Perché diciamocelo, portarci sulla tazza un gioco troppo impegnativo ci distrae troppo dal motivo per il quale siamo entrati in bagno in primo luogo.

Immagine


Tiriamo le Somme
Valutando quindi quanto detto finora, è tempo di tirare le somme e dare una valutazione puntuale di Lost Sea:

Grafica: 8 - Cel Shading e cura dell'ambiente e delle texture rendono il molto gradevole per gli occhi
Trama ed Ambientazione: 7 - La trama (anche se semplicistica) e l'ambientazione piratesca fanno il loro sporco lavoro
Gameplay: 6.5 - Ho sicuramente giocato a giochi di questo tipo migliori, ma Lost Sea riesce comunque a mantenersi oltre la sufficienza
Portabilità: 8 - Si presta bene come gioco mordi e fuggi alle funzionalità portatili peculiari per Nintendo Switch.

Voto Finale: 7,5

Pro:

  • Una grafica molto colorata e piacevole grazie al Cel Shading
  • Semplice ed intuitivo, adatto ad ogni età.
  • Nonostante il punto sopra, riesce comunque a mantenere un certo grado di sfida
  • Un ottimo rapporto qualità-prezzo su Nintendo Switch


Contro:

  • La telecamera maledetta
  • Risulta ripetitivo dopo qualche ora di gioco
  • Meccaniche di gioco a volte anche troppo semplicistiche

Informazioni sull'autore: Jacopo Ratti

Avatar utente
Anche noto come Adegheiz

Sono un ragazzo di Palermo, nato e cresciuto più vicino alla Tunisia che a Roma. Sin da piccolo ho amato profondamente i videogiochi, che accantono solo per studiare medicina. Per cui, mentre mi sorbisco i miei numerosi anni di studio mi ritrovo qui a scrivere come uno schiavo per qualche soldo.

Visualizza il profilo
Risposta Rapida

Devi essere registrato per inviare un commento!

Registrati