Australia, diverse aziende videoludiche hanno donato fondi per gli incendi

Scritto da Andrea Bisighini, il 14 gennaio 2020 Alle 4:09
Immagine
Da prima di Natale l'Australia sta affrontando uno dei più pericolosi incendi forestali nella storia dell'uomo. Ad oggi sono bruciati più di 10 milioni di ettari di alberi con incendi nati in ogni angolo dell'Australia a causa di un periodo di siccità unito ad un caldo record e bassissimi livelli di umidità. Fino ad ora i danni all'ecosistema sono stati tremendi in termini di perdite di flora e fauna (oltre agli alberi, si contano milioni di animali morti) e si sprecano le immagini su internet di tipici animali australiani - come koala o canguri - morti carbonizzati a causa delle fiamme. A smuoversi nella raccolta fondi alla lotta anti-incendio ci sono anche state diverse industrie videoludiche.

Ubisoft ha infatti annunciato tramite Twitter di aver donato, tramite la propria divisione Australiana, ben 30'000 dollari alla Croce Rossa Australiana, invitando anche i propri follower a donare per l'emergenza. Ha inoltre annunciato che la creazione di oggetti cosmetici da acquistare in gioco in cambio di beneficenza avrebbe richiesto troppo tempo considerando l'emergenza in corso. Non della stessa opinione Infinity Ward, che ha preferito dirottare i provenienti di un DLC di Call of Duty: Moden Warfare appena annunciato, l'Outback Relief DLC, come donazione alle vittime australiane. Il pacchetto costa circa 1800 punti Call of Duty (circa 18 dollari) e contiene diversi contenuti cosmetici ispirati all'Australia ed alcuni livelli per il Battle Pass. I soldi verranno raccolti fino al 31 Gennaio, data in cui Activision comincerà a riottenere profitto dal DLC.


Bungie ha annunciato un suo programma di carità in collaborazione con WIRES e NSW Rural Fire Service. Dal 16 Gennaio fino alla metà di Febbraio sarà in commercio una T-Shirt a serie limitata i cui ricavi verrano spartiti tra le due organizzazioni australiane. La maglietta verrà spedita con un cupon per riscattare un emblema di Destiny 2, il "Star Light, Star Bright".

Crytivo, i creatori di The Universim, hanno annunciato di voler donare due mesi di ricavi dal proprio store online ed il 30% dei ricavi da Steam per diverse azioni di supporto verso gli Australiani, come la ricostruzione delle case distrutte, azioni di supporto ai vigili del fuoco e diverse azioni di pulizia dei danni degli incendi. Insomma, anche il settore videoludico è molto attenta all'argomento, anche se sicuramente tra le maratone di streaming per la carità su Twitch e le modelle che inviano proprie immagini NSFW in cambio di donazioni stanno sicuramente vincendo le seconde.

 
Avatar utente

Andrea Bisighini

Anche noto come Barrnet

Sono un appassionato di videogame, di programmazione web e di amministrazione di sistemi. Sono anche l'amministratore di questo sito e l'utente più scarso della comunità su Dota 2, nonché Paladin-fag su Final Fantasy XIV.

Visualizza il profilo
Commenti
Offerte Humble Bundle